Una “tesoreria intelligente” grazie alla tecnologia


  • Shovel
    Anno di costituzione
    1928
  • Location
    Sede
    Fairlawn, Ohio, USA
  • buildings icon
    Settore
    Materie plastiche
  • growth icon
    Profitti
    $ 2,5 miliardi
  • Employees
    Dipendenti
    4,900
Informazioni su A. Schulman

A. Schulman è un fornitore internazionale leader nel settore dei composti plastici e resine ad alte prestazioni usati come materie prime in una varietà di mercati. La linea di prodotti principale dell’azienda consiste in composti plastici proprietari dalle formule personalizzate, concentrati di colori e additivi che migliorano l’aspetto e le prestazioni delle plastiche in una serie di applicazioni specializzate. I clienti provengono da una grande varietà di mercati: imballaggio, mobilità, edilizia, elettronica ed elettrotecnica, agricoltura, igiene e cura personale, sport, casalinghi e tempo libero, servizi personalizzati e altri ancora. A. Schulman ha sede ad Akron, in Ohio, impiega circa 4.900 persone e possiede oltre 58 strutture produttive e di supporto in tutto il mondo. A. Schulman è quotata al Nasdaq: SHLM.

Scarica il pdf

Nel 2014, A. Schulman decise di intraprendere un progetto globale di trasformazione della tesoreria per andare incontro al mutamento delle esigenze della sua azienda alla luce della rapida evoluzione del mercato e della normativa vigente. La squadra della tesoreria di A. Schulman collaborò con PwC per progettare un nuovo quadro di riferimento che includesse la centralizzazione delle attività della tesoreria e la revisione di ogni aspetto della propria attività relativo alle tecnologie, ai rapporti con le banche, alla liquidità e al rischio, così da affinare i propri processi decisionali e operativi.

“Migliorando l’efficienza e l’automazione, abbiamo ottenuto sostanziali risparmi in termini di tempo e risorse. Il cash pooling e l’in-house banking ci hanno consentito di ridurre i costi delle commissioni bancarie e dei prestiti e di ottenere alcune efficienze fiscali.”

Nicolas Tusseau,
Responsabile globale dell’in-house banking,
A. Schulman

 

Predisporre la tesoreria al successo
L’obiettivo della trasformazione globale di A. Schulman non era semplicemente rinnovare i propri sistemi e processi, quanto piuttosto mettere in atto i migliori processi e controlli possibile, come ha dichiarato Nicolas Tusseau, Responsabile globale dell’in-house banking. L’azienda dovette perciò prima determinare se questo obiettivo potesse essere raggiunto sfruttando l’infrastruttura già esistente. L’azienda inviò una richiesta di proposta (RFP) dettagliata al fornitore del sistema di gestione della tesoreria (TMS) esistente e ad altri fornitori leader del settore con lo scopo di accertarsi se disponesse già di tutto il necessario per soddisfare, oltre alle esigenze del momento, anche quelle future. A seguito di una rigorosa analisi, la scelta dell’azienda ricadde sulla sostituzione del TMS dell’epoca con Kyriba, e questo per una serie di ragioni. Kyriba viene fornito sotto forma di Software-as-a-Service (SaaS), cosa che avrebbe semplificato le operazioni di manutenzione e aggiornamento e accelerato l’introduzione di ogni nuova funzionalità, rivela innanzitutto Tusseau. Inoltre, A. Schulman rimase impressionata dalla vastissima esperienza di Kyriba e dalla sua presenza sia negli Stati Uniti che in Europa, oltre che dalla sua provata esperienza di collaborazione con partner bancari che l’azienda aveva già deciso di includere nel suo progetto di trasformazione.

“L’in-house banking e il sistema di tesoreria di Kyriba sono stati due componenti essenziali per il progetto di trasformazione della tesoreria globale che ha coinvolto molte entità all’interno dell’azienda. Il nostro obiettivo era poter contare su una tesoreria all’avanguardia che fosse in grado di supportare al meglio l’azienda fornendole la liquidità necessaria per crescere. Per raggiungere questo obiettivo dovevamo ripensare da zero il modo in cui operavamo.”

Timothy J. McDannold,
Vicepresidente e tesoriere,
A. Schulman

 

Dal punto di vista funzionale, l’azienda reputò che avvalersi di un nuovo TMS avrebbe avuto un ruolo determinante nel supportare la nuova strategia della tesoreria volta ad attuare le migliori pratiche nella gestione di cassa e di liquidità, tra cui l’utilizzo dell’XML per lo scambio dei dati dei pagamenti e degli estratti conto con le banche e del CAMT.086 per la fatturazione dei servizi bancari. L’azienda inoltre desiderava un unico sistema per gestire la cassa e il rischio, che fosse anche intuitivo, facile da usare e conveniente. Infine, l’azienda aveva deciso di valutare le offerte dei fornitori sulla base non soltanto delle esigenze dell’epoca, ma anche della loro flessibilità e completezza in vista di quelle che avrebbero potuto essere le esigenze future. Kyriba soddisfaceva tutti i requisiti e questo diede alla tesoreria un elevato grado di certezza in merito alla possibilità di portare il progetto di trasformazione a compimento con successo.

Risultati quantitativi

91 milioni di dollari Cash pooling da in-house banking

2,5 milioni di dollari Risparmio all’anno sui costi

500 milioni 84 di dollari Pagamenti intersocietari compensati all’anno

84 Conti correnti chiusi a seguito della razionalizzazione

 

Trasformazione della gestione di cassa e liquidità
Nell’ambito del progetto in questione, A. Schulman decise di ridurre il numero di banche coinvolte nella gestione di cassa in tutto il mondo da una trentina circa a tre soltanto: la Bank of America Merrill Lynch, la Citi e la JPMorgan Chase, ciascuna delle quali era già connessa a Kyriba per i pagamenti e il reporting degli estratti conto, con utilizzo del formato XML. Razionalizzando le fila delle banche coinvolte nella gestione di cassa e rendendo più agili le comunicazioni con tali banche, A. Schulman riuscì a ottenere una visibilità e un controllo della cassa e del rischio di gran lunga superiori al passato, nonché a standardizzare e migliorare il controllo sui processi di tesoreria. L’azienda diventò in grado non soltanto di gestire la cassa e il rischio con maggior fiducia, ma anche di reagire rapidamente all’evoluzione delle condizioni di mercato e delle posizioni di cassa e rischio del gruppo. In base ai dati forniti da Tusseau, l’azienda dispone di circa 124 conti correnti bancari in tutto il mondo, suddivisi tra le tre banche succitate. Presso le tre banche partner, inoltre, gestisce un saldo in perfetto equilibrio in nove valute in 15 paesi diversi, supportata da un notional pooling multi-valuta. Tutto questo è gestito automaticamente da Kyriba, insieme alla registrazione delle operazioni sui conti intersocietari rilevanti, all’elaborazione degli estratti conto intersocietari per ciascuna business unit, all’assegnazione degli interessi intersocietari, alle trattenute fiscali e all’invio e alla registrazione automatici nell’ERP della tesoreria delle voci contabili a essa pertinenti. Si tratta di un grosso passo in avanti verso il raggiungimento dell’obiettivo di diventare una “tesoreria intelligente”, ovvero una tesoreria che sfrutti la tecnologia per ridurre le operazioni manuali e introduca l’automazione intelligente ovunque possibile.

Esiti e benefici del progetto
Il progetto di trasformazione della tesoreria intrapreso da A. Schulman, comprendente l’implementazione di Kyriba, ha prodotto benefici significativi. Migliorando l’efficienza e l’automazione, ha condotto a sostanziali risparmi in termini di tempo e risorse. Il cash pooling e l’in-house banking hanno consentito all’azienda di ridurre le commissioni bancarie e il costo dei prestiti e beneficiare di efficienze fiscali. In breve, A. Schulman ha recuperato 91 milioni di dollari tramite l’inhouse banking, ha chiuso 84 conti correnti esterni e ridotto il numero di banche con cui interfacciarsi da 28 a 3 in tutto il mondo. Nel complesso, A. Schulman ha calcolato un risparmio di 2,5 milioni di dollari l’anno. L’implementazione del cash pooling, unita all’in-house banking e al netting multilaterale tramite Kyriba, ha inoltre ridotto il numero di trasferimenti fisici tra soggetti diversi sostituendoli con flussi intersocietari, riducendo i pagamenti intersocietari di 500 milioni di dollari l’anno ed eliminando le relative commissioni bancarie per bonifici e copertura del rischio FX. Ma le efficienze in termini di costi non si sono limitate alla tesoreria. Grazie alla funzionalità di immissione automatica delle voci nel registro generale fornita da Kyriba, il centro di servizi condivisi di A. Schulman ha generato efficienze pari a 1-1,5 dipendenti full time.

Condivisione delle esperienze
L’iniziale implementazione del sistema di A. Schulman, cash pooling compreso, ha richiesto circa sei mesi. Da allora, l’azienda non ha fatto altro che espanderne l’utilizzo. Essendo un gruppo di scala mondiale da 2,5 miliardi di dollari di fatturato caratterizzato da un elevato livello di complessità, le sue esigenze in termini di tesoreria sono variegate e sofisticate, anche se le risorse a esse dedicate sono numericamente inferiori rispetto a quanto ci si aspetterebbe.

Implementando Kyriba, A. Schulman è riuscita nell’intento di rendere l’operatività della propria tesoreria più sofisticata, ampia e scalabile, ma a un costo e con un numero di risorse inferiori rispetto alla norma.

Tusseau ha dichiarato che Kyriba si è anche dimostrata capace di adattarsi a esigenze specifiche, come la modifica dei formati XML per andare incontro ai requisiti delle singole banche e il supporto dei formati di pagamento locali in paesi quali Romania, Polonia e Ungheria.

Nonostante si sia trattato di un progetto complesso, una serie di fattori ha contribuito al suo successo. In particolare, l’azienda ha potuto fare affidamento sull’eccellente supporto offerto da Kyriba, dalle sue banche e dai suoi consulenti, tra cui PwC e Simon Bishop di Future State Treasury. In secondo luogo, il progetto ha goduto della forte presenza e della guida della squadra di tesoreria globale di A. Schulman e in particolare del tesoriere Timothy McDannold e dell’assistente tesoriere Jeff Goggins. Anche la squadra IT dell’azienda ha giocato un ruolo importante, unendo all’abilità e all’esperienza una notevole dose di dedizione e duro lavoro. Il progetto ha comportato modifiche sostanziali non solo per la tesoreria, ma anche per i team della finanza delle business unit.

Di conseguenza, si è rivelato essenziale il supporto al progetto da parte dell’alta dirigenza, che ne ha affermato e confermato la necessità, fornendo la necessaria motivazione per intraprenderlo e rimuovendo ogni ostacolo organizzativo. Come ha dichiarato Tusseau, implementare un nuovo sistema o una nuova struttura bancaria o di liquidità non genera in sé valore, ma crea opportunità per incrementare le efficienze, ridurre i costi e migliorare il processo decisionale, tutte cose che in definitiva si traducono in vantaggi operativi e strategici per l’azienda.

img
Attiva la liquidità.

Trasforma il modo in cui utilizzi la liquidità in un veicolo dinamico per la crescita e la creazione di valore

Scopri come