Come la connettività bancaria può ostacolare la tua migrazione ERP nel cloud

By Remy Dubois 12 Maggio, 2020

In informatica vengono spesso coniate nuove espressioni senza però prendere in considerazione l’importanza delle singole parole che le compongono.

Un esempio è l’espressione “connettività multibancaria”, con particolare riguardo alla parola “multi”.
Essere in grado di gestire efficacemente più o, più precisamente, molte banche è essenziale. Quando si parla di banche, è importante considerare questi quattro aspetti:

  • le banche sono organizzazioni esterne e non un’entità interna integrata a livello IT;
  • a causa della necessità di soddisfare requisiti di conformità e sicurezza, le banche sono organizzazioni in cui le procedure sono fondamentali;
  • le banche estere possono operare anche con una differenza di fuso orario di 12 ore rispetto all’azienda;

i contatti all’interno delle banche potrebbero avere delle difficoltà a comunicare in inglese o nella lingua dell’azienda, rendendo più difficoltosa la collaborazione tecnica.

Quante banche sono coinvolte di solito nella connettività multibancaria?

Quando si usa il termine “multibancaria”, di solito non si parla di due o tre banche soltanto. In alcuni casi, le aziende devono gestire 10, 20, 50 se non addirittura 100 banche diverse.

Conseguenze della connettività multibancaria sui reparti IT

Quando viene lanciato un progetto di connettività bancaria guidato dal reparto IT interno di un’azienda, uno dei principali aspetti che tendono a essere sottovalutati è la successiva aggiunta di altre banche al software ERP. La complessità e la quantità dei processi legati alla connettività bancaria sono spesso ignorate o sottovalutate.

Il lavoro alla base dell’integrazione bancaria

Normalmente, le aziende che desiderano implementare una payment factory globale incaricano le proprie risorse IT di creare e testare i formati e i flussi di pagamento per le banche con cui hanno rapporti.

A causa del numero di variabili incluse nei formati di pagamento, per ciascun ambiente il reparto IT dovrà modificare e testare centinaia di opzioni di personalizzazione dei formati e poi ripetere i test insieme alle banche. Raramente questi test vengono superati al primo colpo.

Le opzioni di personalizzazione dei formati includono:

  • la banca
  • la filiale d’origine
  • la filiale destinataria
  • il tipo di pagamento
  • eventuali operazioni di FX
  • l’urgenza del pagamento
  • la valuta
  • altri campi specifici, legati all’area geografica o alla banca in sé

La quantità di formati e varianti da creare e testare può assumere dimensioni difficili da gestire. Spesso ciò si verifica anche perché la maggior parte delle integrazioni delle applicazioni operate dai reparti IT consiste nel connettere un’applicazione a un’altra applicazione. Quando il progetto assume dimensioni significative, le risorse IT, spesso già oberate di lavoro, si ritrovano a dover creare e testare tutti i formati di pagamento richiesti in pochissimo tempo.

Scenari di pagamento e varianti

Le differenze tra le varie banche anche solo in termini di protocolli, formati dei file e sicurezza implicano che, spesso e volentieri, l’integrazione di un determinato scenario di pagamento non potrà essere estesa a banche diverse.
Un esempio di scenario di pagamento: banca X – filiale d’origine con sede a Francoforte – filiale destinataria con sede a Madrid – pagamento SEPA – non urgente – senza FX – in euro.

Gli scenari di pagamento devono essere testati insieme alle banche, poiché la presenza di errori impedirà che i pagamenti vadano a buon fine e, affinché un ordine di pagamento venga accettato, occorre soddisfare alla perfezione tutti i requisiti di ciascuna banca coinvolta. Il reparto IT dovrà poi tenere traccia delle differenze tra le banche.

Per realizzare la connettività con una banca, di solito occorre creare e testare tre, cinque o dieci formati diversi, tuttavia i progetti di connettività bancaria internazionale possono arrivare a prendere in considerazione fino a circa 500 varianti diverse.
Basandoci sulla nostra esperienza di assistenza alle aziende, possiamo dire che la sequenza di passaggi necessaria per realizzare una connettività bancaria è la seguente:

  1. Sviluppo delle specifiche: dopo aver ricevuto le informazioni dalla banca, è necessario sviluppare tutte le specifiche dati con un ERP
  2. Estrazione e trasformazione: Il passo successivo è la creazione del codice di estrazione e trasformazione che consente di estrarre i dati giusti dal database dell’ERP. In alternativa, se per l’impostazione dei file di pagamento si usa un’applicazione di connettività multibancaria, il loro trasferimento tra il software ERP e ciascuna banca viene di solito effettuato manualmente. In entrambi i casi, il reparto IT sarà oberato di lavoro. In base alle nostre analisi, se si utilizzano linguaggi di sviluppo standard, la realizzazione di una connettività multibancaria aumenta il carico di lavoro.
  3. Testing: L’interfaccia viene poi testata insieme alla banca con il trasferimento di un penny. Nella stragrande maggioranza dei casi, questo primo test fallirà.
  4. Correzione di bug o errori nell’interfaccia: La banca illustrerà i motivi del fallimento del test d’integrazione. Tuttavia il reparto IT dell’azienda spesso non comprenderà le spiegazioni fornite dalla banca, poiché le banche utilizzano una terminologia specifica e hanno sviluppato un’esperienza sul campo aliene ai reparti IT. Di solito, se lo scenario cambia, cambiano anche le informazioni che è necessario inviare. Per esempio, le informazioni da inviare variano a seconda che debbano essere inviate dalla Germania alla Polonia o dalla Germania a Dubai. E variano ancora a seconda del tipo di pagamento. E variano ulteriormente in base all’urgenza del pagamento. Con ogni scenario, cambiano le informazioni da inviare. Per fallire il test sono sufficienti la mancata compilazione di un campo o un errore di formato.

A causa di questa complessità, di solito occorrono dai 6 ai 12 mesi per aggiungere una nuova banca. Se il numero sale a 5, 10 o addirittura 80, è facile intuire come la la migrazione nel cloud possa essere facilmente compromessa.

Per scoprire come semplificare e accelerare l’integrazione bancaria nell’ambito della migrazione ERP nel cloud, scarica il nostro ultimo eBook.

img
Attiva la liquidità.

Trasforma il modo in cui utilizzi la liquidità in un veicolo dinamico per la crescita e la creazione di valore

Scopri come